venerdì 7 gennaio 2011

Noel Barber un autore da riscoprire

Sono incappata per caso nelle sue storie: uno scambio di libri vecchi con un'amica e fra le mie mani è finito L'altra metà del paradiso. Appena ho iniziato a leggerlo ho capito di avere accolto nella mia libreria qualcosa di assolutamente imperdibile. Non solo ben scritto, con una ricchezza lessicale che non appartiene ai nostri tempi purtroppo, ma anche avvincente e mai banale. Così mi sono incuriosita ed è scattato l'ordine su Amazon praticamente in automatico. Risultato ho reperito tutti i libri di Noel Barber disponibili in Italia e devo dire che, anche dopo la prima scorsa veloce, ho sotto gli occhi un piccolo tesoro d'esperienza.
Noel Barber, scrittore e giornalista britannico, nacque nel 1909 e durante la sua avventurosa esistenza fu inviato per il Daily Mail in gran parte delle colonie inglesi. Dalle sue esperienze come repoter e dall'animo romantico del viaggiatore d'altri tempi nascono alcuni indimenticabili romanzi. Barber morì nel 1988 dopo essere scampato miracolosamente a un colpo di pistola alla testa durante la rivoluzione ungherese nel 1956.
Dalla sua straordinaria esperienza di inviato nelle zone calde del pianeta sono nati i romanzi pubblicati per lo più negli anni Ottanta.

L'alltra metà del paradiso
Le figlie del principe
I venti del destino
Una donna del cairo
Tanamera
I giorni dell'addio


4 commenti:

  1. Anche io adoro i libri di Noel Barber . "I giorni dell'addio " mi ha appassionato . Peccato sia un autore poco conosciuto in Italia.

    RispondiElimina
  2. Ho appena finito I venti del destino, è molto molto bello anche quello! Ho faticato parecchio, ma li ho trovati tutti e a breve vi dirò quello che penso. Ditemelo anche voi così facciamo una classifica!

    RispondiElimina
  3. c'è qualche cosa di vero nei personaggi del libro i venti del destino?

    RispondiElimina
  4. Non c'è nulla di strettamente biografico, piuttosto penso sia ben orchestrato il possibilismo. E' possibile che Hemingway frequentasse i locali descritti, che avesse amicizie nella sfera degli esuli russi. Credo che il vero punto di forza di questi romanzi la suggestione. Se avessi conosciuto Hemingway penso l'avrei visto così, quando ho visto per prima volta un quadro di Gauguin ho sognato ad occhi aperti proprio come Barber.

    RispondiElimina